7 novembre 2017 - 15:00

Foreste tropicali: un nuovo approccio per misurare la densità di carbonio – Think Tank Award Webinar

  • Data: 7 novembre 2017 - 15:00
  • Luogo: Go-to-Webinar
  • Organizzato da: ICCG
  • Informazioni:

    La registrazione al webinar è obbligatoria. Per iscriversi accedere al seguente link.

  • Lingua di lavoro: Inglese
Descrizione:

In concomitanza con la prima settimana della COP23, ICCG organizza la “ICCG Climate Week“, una serie di webinar, interventi a conferenze e attività di divulgazione sulle scienze e la governance dei cambiamenti climatici legati prevalentemente alle attività e agli awards dei propri osservatori.

Il Woods Hole Research Center, primo classificato nella Classifica Standardizzata dell’ICCG Climate Think Tank Ranking 2016, contribuirà alla “ICCG Climate Week” con un webinar tenuto dal Dr. Wayne Walker, scienziato esperto in misurazione e monitoraggio delle foreste, telerilevamento, capacity building e REDD+ (Reducing Emissions from Deforestation and Forest Degradation).

La presentazione, introdotta dal Direttore ICCG, Prof. Carlo Carraro, presenterà tecnologie all’avanguardia per fornire un nuovo livello di precisione nella misurazione della perdita di aree forestali, così come della loro ricrescita.

 

Abstract:

Un nuovo approccio rivoluzionario per misurare i cambiamenti nella densità di carbonio delle foreste ha aiutato gli scienziati a stabilire che le regioni forestali tropicali attualmente emettono più carbonio di quanto non ne assorbano, a causa di un’estesa deforestazione e degradazione.

L’articolo di riferimento, “Tropical forests are a net carbon source based on aboveground measurements of gain and loss”, è stato pubblicato ad ottobre nella rivista Science.

Il Dr. Wayne Walker discuterà dell’articolo, il cui autore principale è Alessandro Baccini, anch’egli scienziato presso il Wood Hole Research Center, e delle implicazioni di questa nuova tecnologia di monitoraggio forestale.

Utilizzando 12 anni (2003-2014) di immagini satellitari, telerilevamento laser e misurazioni sul campo, Baccini e il suo team hanno potuto rilevare le perdite di carbonio dovute alla deforestazione su larga scala, nonché al degrado forestale e anomalie su scala ridotta, più difficili da misurare.

Anche se mappare le foreste completamente perse può rappresentare una sfida, risulta ancora più difficile misurare perdite parziali e ridotte. In molti casi, nei tropici, la perdita di foreste è il risultato di un disboscamento selettivo o della rimozione di singoli alberi da parte di piccoli proprietari terrieri per utilizzare il legno come combustibile. Queste perdite, relativamente piccole ma ripetute in diversi luoghi, se sommate diventano considerevoli.

La tecnologia può aiutare i Paesi a quantificare i cambiamenti nei loro stock di carbonio forestale, soprattutto nel contesto dell’Accordo di Parigi e degli NDCs (Nationally Determined Contributions), e può fornire maggiore sicurezza ai mercati del carbonio.

 

 

  • Relatori
    • Wayne Walker

      Dr. Wayne Walker, Associate Scientist, Woods Hole Research Center – WHRC

      Dr. Wayne Walker is an ecologist and remote sensing specialist interested in applications of satellite imagery to the assessment and monitoring of temperate and tropical ecosystems at regional to global scales. His research focuses on measuring and mapping forest structural attributes, land cover/land use change and terrestrial carbon stocks in support of habitat management, ecosystem conservation and carbon-cycle science. He is committed to building institutional capacity in the tools and techniques used to measure and monitor forests, working in collaboration with governments, NGOs and indigenous communities across the tropics. Walker holds degrees in forest ecology (M.S.) and remote sensing (Ph.D.) from the University of Michigan.

  • Introdotto da
    • Carlo Carraro

      Il professor Carlo Carraro è il Direttore ICCG.

      Carlo Carraro è stato Rettore dell’Università Ca’ Foscari di Venezia dal 2009 al 2014. Presso la stessa Università è ora professore ordinario di Economia Ambientale. Ha conseguito il dottorato di ricerca all’Università di Princeton negli Stati Uniti e, prima di arrivare a Ca’ Foscari, ha insegnato all’Università di Parigi I e in quella di Udine.

      Attualmente riveste, per il secondo mandato consecutivo, la carica di vicepresidente dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), organizzazione internazionale per cui lavora dal 1993 e che nel 2007 è stata insignita del premio Nobel. E’ membro del Comitato Esecutivo della Fondazione Centro Euro Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC) e Direttore dell’ICCG.

      Carlo Carraro è stato eletto alla presidenza della European Association of Environmental and Resource Economists (EAERE) per il biennio 2017-2018. Nel 2016 è stato anche nominato dal Ministro dell’Ambiente Italiano membro della Commissione per la Valutazione del Capitale Naturale. E’ attualmente Presidente di Digital Accademia, la società del gruppo H-Farm che si occupa di formazione innovativa.

      E’ anche Presidente del Comitato Scientifico del Green Growth Knowledge Platform, una iniziativa della Banca Mondiale, dell’OCSE e dell’UNEP per aiutare i paesi di tutto  il modo verso una crescita sostenibile, oltre che membro dello Scientific Advisory Board dell’ Environmental Economics Program dell’Università di Harvard e del Center for Economic Studies dell’Università di Monaco.

      Carlo Carraro è direttore della Review of Environmental Economics and Policy, la più importante rivista a livello internazionale sui temi di economia ambientale. Ha collaborato inoltre con l’OCSE, con l’Economic and Social Reserch Institute di Tokyo e con la Banca Mondiale, sempre sul tema dei cambiamenti climatici.

      Ha scritto più di 200 articoli e 30 libri sui temi dell’economia ambientale, dei cambiamenti climatici, degli accordi internazionali ambientali, del coordinamento delle politiche fiscali e monetarie, della teoria delle coalizioni, della modellizzazione economica ed econometrica.

      Nel 2013 é stato insignito dal Presidente della Repubblica Italiana del titolo di Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

    • Marinella Davide

      Ricercatrice presso l’ICCG dal 2010, Marinella Davide si occupa dell’analisi di politiche nazionali ed internazionali su clima ed energia con particolare riferimento ai negoziati in corso per la definizione del futuro accordo sui cambiamenti climatici. I suoi interessi principali sono la cooperazione internazionale, le politiche in campo ambientale e l’Emission Trading. Marinella Davide ha conseguito un Master di II livello in Protezione dell’Ambiente Globale e Politiche Internazionali organizzato dall’Università della Tuscia ed il Ministero dell’Ambiente del Territorio e del Mare. Nel 2007 si è laureata in Scienze Internazionali e Diplomatiche presso la Facoltà di Scienze Politiche “R. Ruffilli” di Forlì (Università degli Studi di Bologna) discutendo una tesi in Microeconomia sull’Emission Trading e i meccanismi flessibili previsti dal Protocollo di Kyoto.

  • Presentazioni
  • Video