7 novembre 2017 - 15:00

Foreste tropicali: un nuovo approccio per misurare la densità di carbonio – Think Tank Award Webinar

  • Data: 7 novembre 2017 - 15:00
  • Luogo: Go-to-Webinar
  • Organizzato da: ICCG
  • Informazioni:

    La registrazione al webinar è obbligatoria. Per iscriversi accedere al seguente link.

  • Lingua di lavoro: Inglese
Descrizione:

In concomitanza con la prima settimana della COP23, ICCG organizza la “ICCG Climate Week“, una serie di webinar, interventi a conferenze e attività di divulgazione sulle scienze e la governance dei cambiamenti climatici legati prevalentemente alle attività e agli awards dei propri osservatori.

Il Woods Hole Research Center, primo classificato nella Classifica Standardizzata dell’ICCG Climate Think Tank Ranking 2016, contribuirà alla “ICCG Climate Week” con un webinar tenuto dal Dr. Wayne Walker, scienziato esperto in misurazione e monitoraggio delle foreste, telerilevamento, capacity building e REDD+ (Reducing Emissions from Deforestation and Forest Degradation).

La presentazione, introdotta dal Direttore ICCG, Prof. Carlo Carraro, presenterà tecnologie all’avanguardia per fornire un nuovo livello di precisione nella misurazione della perdita di aree forestali, così come della loro ricrescita.

 

Abstract:

Un nuovo approccio rivoluzionario per misurare i cambiamenti nella densità di carbonio delle foreste ha aiutato gli scienziati a stabilire che le regioni forestali tropicali attualmente emettono più carbonio di quanto non ne assorbano, a causa di un’estesa deforestazione e degradazione.

L’articolo di riferimento, “Tropical forests are a net carbon source based on aboveground measurements of gain and loss”, è stato pubblicato ad ottobre nella rivista Science.

Il Dr. Wayne Walker discuterà dell’articolo, il cui autore principale è Alessandro Baccini, anch’egli scienziato presso il Wood Hole Research Center, e delle implicazioni di questa nuova tecnologia di monitoraggio forestale.

Utilizzando 12 anni (2003-2014) di immagini satellitari, telerilevamento laser e misurazioni sul campo, Baccini e il suo team hanno potuto rilevare le perdite di carbonio dovute alla deforestazione su larga scala, nonché al degrado forestale e anomalie su scala ridotta, più difficili da misurare.

Anche se mappare le foreste completamente perse può rappresentare una sfida, risulta ancora più difficile misurare perdite parziali e ridotte. In molti casi, nei tropici, la perdita di foreste è il risultato di un disboscamento selettivo o della rimozione di singoli alberi da parte di piccoli proprietari terrieri per utilizzare il legno come combustibile. Queste perdite, relativamente piccole ma ripetute in diversi luoghi, se sommate diventano considerevoli.

La tecnologia può aiutare i Paesi a quantificare i cambiamenti nei loro stock di carbonio forestale, soprattutto nel contesto dell’Accordo di Parigi e degli NDCs (Nationally Determined Contributions), e può fornire maggiore sicurezza ai mercati del carbonio.