Segui la COP23 con ICCG

La 23a Conferenza delle Parti (COP23) dell’UNFCCC (Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici) inizierà il 6 novembre a Bonn, in Germania, e sarà presieduta dalla Repubblica delle Fiji.

Il vertice internazionale sul cambiamento climatico è un passo cruciale dopo l’entrata in vigore dell’Accordo di Parigi nel 2016 e in vista dell’obiettivo di renderlo operativo entro il 2018.

Sebbene l’attesa non sia quella di una COP risolutiva, con la COP23 si dovranno necessariamente compiere dei passi avanti nel piano d’azione per l’applicazione dell’accordo globale sul clima. Le due settimane di summit, che si concluderanno il 17 novembre, saranno ricche di negoziati tecnici volti agli strumenti e alle procedure per raggiungere gli obiettivi di lungo termine dell’Accordo di Parigi, e di discussioni sui temi più importanti che dominano l’attuale scenario politico globale sul cambiamento climatico.

Approfondisci su Climate Policy Observer i principali temi della COP23 (in inglese):

  • Una “Pacific COP” incentrata sulle vittime dei cambiamenti climatici
  • Realizzare il Paris Rules book (regole d’applicazione dell’Accordo) entro il 2018
  • Avviare il Facilitative Dialogue
  • Garantire la conformità e gestire gli strumenti di attuazione
  • Il ruolo crescente degli attori non statali

Vai all’articolo “SPECIAL COP23: Top Topics to Watch” su Climate Policy Observer »

 

Tieniti aggiornato sulla COP23

Nelle prossime settimane, ICCG seguirà i negoziati e i principali eventi della COP23. Leggi le nostre analisi su questi avvenimenti, le loro premesse e le implicazioni future su Climate Policy Observer e sui social media di ICCG.

 

Parteciperai alla COP23 a Bonn?

Il 14 novembre (12:30-13:45), presso il Padiglione del Giappone,  la Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM) prenderà parte al Side Event “Innovation and Climate Policy under the Paris Agreement”.

L’evento illustrerà i più promettenti e solidi metodi e strumenti di valutazione dei costi per l’implementazione dei Nationally determined contributions (NDCs) e metterà in luce il ruolo della tecnologia e dell’innovazione sociale nel ridurne le spese.

Organizzato da: Research Institute of Innovative Technology for the Earth

Speakers:

Keigo Akimoto, Research Institute of Innovative Technology for the Earth
Carlo Carraro, Fondazione Eni Enrico Mattei e Initiative on Climate Change policy and Governance
Ray Kopp, Resources for the Future
Hiro Tezuka, Keidanren e JFE Steel
Laurence Tubiana, European Climate Foundation

 

Il 15 novembre (18:30-20:30), presso il Padiglione della Turchia, la Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM) co-organizza il Side Event Towards Sustainable Climate Change Response Measures under the Paris Agreement”.

L’evento presenterà metodi per valutare gli impegni di riduzione delle emissioni previsti dai Nationally Determined Contributions (NDCs) e valuterà i loro costi economici. Il panel si concentrerà su come ridurre tali costi, evidenziando il valore delle tecnologie e delle innovazioni sociali.

Organizzato da:  Resources for the Future (RFF), Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM), Research Institute of Innovative Technology for the Earth (RITE), University of Edinburgh

Speakers:

Keigo Akimoto: Group Leader/Chief Reseracher, Systems Analysis Group, RITE
Joe Aldy: Assoc. Prof. of Public Policy, Harvard University
Carlo Carraro: Prof. di Econ. Amb., Ca’ Foscari Univ. di Venezia; Direttore ICCG , FEEM
Carolyn Fischer: Sr. Fellow, Resources for the Future